We are d'Abruzzo. L'Abruzzo al Vinitaly


Nell'edizione 2018 il Premio per la Regione Abruzzo è stato assegnato all'Azienda Monti di Controguerra (TE), per aver saputo promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola del territorio



Poco più di 52 anni fa, Angelo Betti ebbe l'intuizione che una fiera dedicata al vino, che coinvolgesse tutte le regioni d'Italia, con un palcoscenico aperto verso il resto del mondo, sarebbe potuta essere uno degli eventi più seguiti e apprezzati d'Italia. Così oltre alla valenza economica e commerciale, Vinitaly è diventato una vera e propria rassegna, con workshop, show cooking, tavole rotonde, incontri di approfondimento e dibattiti. Vinitaly è di fatto uno degli eventi più attesi dagli appassionati e operatori di settore e, proprio domenica 15 Aprile ha aperto i battenti a Verona richiamando migliaia di partecipanti tra espositori, curiosi e winelovers.

Amato,odiato, osannato e criticato Vinitaly è indiscutibilmente Vinitaly... da vivere almeno una volta se non si è completamente astemi.

Tra i numerosi eventi della kermesse, spicca il Premio Medaglia di Cangrande benemerito della Viticoltura, ora premio Betti, che omaggia un'azienda in ogni regione, che si è distinta per meriti particolari.

Nell'edizione 2018 il Premio per la Regione Abruzzo è stato assegnato all'Azienda Monti di Controguerra (TE), per aver saputo promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola del territorio.

Ha ritirato il premio Emilia Monti che da anni ne è a capo insieme al marito, ha ricordato che l'azienda produce vino da 50 anni, un lavoro che fa parte della storia della sua famiglia, tanto da possedere una bottiglia del 1945 prodotta da suo nonno Brunetto.

L'azienda Monti con i suoi 10 ettari di terreno ed una produzione complessiva di circa 70,000 bottiglie, è un punto di riferimento storico del territorio. Si affida a quella che chiamano “pratiche della consuetudine”, un protocollo di azioni che si rivelano particolarmente efficaci combinate con le condizioni geomorfologiche e le annate climatiche.

Quest'anno la regione Abruzzo, in occasione del 50esimo anniversario del Montepulciano d'Abruzzo, si presenta al pubblico con lo slogan “We are d'Abruzzo” in un open space che raccoglie le quattro province, evidenziando nell'area assegnata a ciascuno di essa gli spazi per le cantine produttrici. Inoltre, nell'Enoteca Regionale sommelier qualificati propongono la vastissima gamma di vini in esposizione. Nella giornata di Lunedì 16 Aprile, nell'area dedicata alla cucina “SPAZIO – Niko Romito” lo Chef stellato proporrà due piatti dedicati al felice anniversario.

Certamente la veste con la quale l'area abruzzese si presenta è di grande impatto, la ricchezza dell'offerta enologica regionale, viene raccolta e celebrata anche attraverso il simbolico utilizzo di di colori naturali e della semplicità del bianco al quale si contrappongono le immagini sempre suggestive del territorio.

Oltre alle autorità regionali e la visita odierna del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, l'affluenza che si è registrata è stata molto buona. Curiosi, giornalisti, blogger, buyer e visitatori nazionali ed internazionali hanno calcato i corridoi del padiglione 12 per scoprire, conoscere ed assaggiare l'Abruzzo.