Perché è stato annullato l'esperimento Sox al Gran Sasso


Dopo proteste, clamore e sit in ecco la decisione: il russo Mayak non può realizzare il generatore di antineutrini basato sul Cerio 144



L’esperimento Sox, al centro di un acceso dibattito negli ultimi mesi e previsto per gli inizi del 2018 nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, è stato annullato.

La motivazione ufficiale, esposta in un comunicato stampa, sarebbe l’impossibilità da parte del produttore russo Mayak di realizzare il generatore di antineutrini basato sul Cerio 144.

Questa componente “della discordia” non ha le caratteristiche tecniche per rilevere i neutrini sterili, una particella ipotetica che, se scoperta, potrebbe aprire nuovi scenari nel mondo della fisica moderna. Il generatore prodotto in Russia infatti avrebbe una capacità di 50kCi (kilocurie), pari ad un terzo dell’energia richiesta dal progetto e quindi inutile ai fini posti dall’esperimento stesso.

L’esperimento Sox (Short distance Oscillations with boreXino) aveva già subito uno slittamento a dicembre 2017 dovuto al ritardo nella consegna di questo componente.

http://[http://impaginato.it/article/2342/gran-sasso-cosa-c-dietro-lo-slittamento-dell-esperimento-sox]

L’esperimento promosso dall’INFN (Istituto nazionale di Fisica nucleare) e del Cea francese (Commissariat à l'énergie atomique et aux énergies alternatives) è stato costantemente al centro del dibattito pubblico dal novembre 2017, subito dopo la messa in onda del servizio di Nadia Toffa all’interno del famoso programma televisivo d’inchiesta Le Iene. In quell’occasione la giornalista bresciana tentò di intervistare il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso che rifiutò bruscamente di rispondere alle domande poste in merito al progetto Sox.

http://[http://impaginato.it/article/2063/domande-scomode-e-la-stampa-viene-allontanata.-due-casi-in-poche-ore-per-d-alfonso

Accolta positivamente la notizia dal Forum Abruzzese dei Movimenti per l’Acqua che  così commentano in una nota: “Apprendiamo con grande soddisfazione l'annullamento dell'esperimento Sox, iniziativa che era completamente incompatibile con la sicurezza dell'acqua del Gran Sasso che disseta 700.000 persone. Questo esperimento, su cui si erano accesi i riflettori solo grazie ad una segnalazione anonima e allo studio e divulgazione dei documenti da parte della Mobilitazione per l'Acqua del Gran Sasso, aveva importanti limiti ed errori in termini di pianificazione fin dall'origine. Infatti avevamo scoperto in fase autorizzativa che non erano neanche stati valutati i rischi e verificati i divieti di legge esistenti per la presenza delle captazioni idropotabili.”

Il Forum H2o annuncia gli obiettivi per il futuro: “Continueremo con il prossimo obiettivo, far adempiere agli obblighi di legge per l'allontanamento delle 2.300 tonnellate di sostanze pericolose (1.292 tonnellate di Trimetilbenzene nell'esperimento Borexino e 1.000 tonnellate di acqua ragia dell'esperimento LVD) stoccate nei Laboratori in pieno contrasto con e leggi. Il popolo dell'acqua -è la conclusione- si è mobilitato e ha portato ad un nuovo successo per la difesa del territorio, prima con la manifestazione ad Assergi a Luglio e poi con quella di Teramo a Novembre. Siamo per la ricerca scientifica ma come in ogni cosa ci sono dei limiti. Qui esiste una priorità, la tutela di un acquifero tra i più importanti d’Europa"

La polemica degli ambientalisti scaturiva dall’utilizzo del Cerio 144, sostanza altamente radioattiva che, giunta all’interno dei laboratori del Gran Sasso, sarebbe stata sigillata in una doppia capsula di acciaio schermata, da uno scudo di tungsteno dal peso superiore alle 2,4 tonnellate e spesso 19 centimetri. In questo modo sarebbe stata evitata la dispersione dei i raggi gamma prodotti dai neutrini.

Secondo gli esponenti delle associazioni a tutela dell'ambiente sarebbe stato molto pericoloso effettuare un simile esperimento nel cuore dell’Abruzzo in una zona ad elevato rischio sismico.

http://[http://impaginato.it/article/2068/esperimento-gran-sasso-cosa-si-rischia-con-la-nube-di-rutenio-106]

twitter@ImpaginatoTw