Roseto al Centro accusa: ecco le incoerenze del Pd rosetano


"Ma come, non erano le stesse cose che diceva l'ex Sindaco Enio Pavone quando veniva deriso ed attaccato dall'ex opposizione, oggi maggioranza?"


di Redazione
Categoria: ABRUZZO-ITALIA
15/05/2018 alle ore 19:08



Il Movimento politico “Roseto al Centro” accusa il Pd rosetano di mancanza di coerenza e programmazione.

“Basti infatti ricordare i comunicati stampa che facevano prima e dopo la campagna elettorale, dove rimarcavano il concetto che l’esternalizzazione della gestione del verde rappresentava l’incapacità di Pavone e Fornaciari di amministrare. Ed ora, cosa fanno invece il Sindaco Sabatino Di Girolamo e l’Assessore alle manutenzioni Nicola Petrini? E cosa dice l’attuale Vice-Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Simone Tacchetti? Che non ci sono abbastanza “mezzi” umani e materiali per far fronte a tutte le esigenze cui deve andare incontro il Comune”, dichiarano i dirigenti del Movimento politico “Roseto al Centro”, il Presidente Maristella Urbini, il Segretario Toriella Iezzi ed il Vice-Segretario Andrea Marziani.

“Ma come, non erano le stesse cose che diceva l’ex Sindaco Enio Pavone quando veniva deriso ed attaccato dall’ex opposizione, oggi maggioranza?! Ora che comandano loro accendono mutui su mutui, appaltano a ditte esterne ogni cosa. Come per magia il loro dictat oggi è diventato “esternalizzare”, quella che era una blasfemia ai tempi dell’ex Giunta Pavone. Per avere poi quale risultato? Un Ente sempre più indebitato ed una Città che non è affatto cambiata in termini di cura del verde pubblico, anzi! Basta farsi un giro per Roseto degli Abruzzi per vedere come è peggiorata nettamente: pali della luce che cadono quotidianamente e in ogni dove, strade dissestate come non mai, che costringono tanti rosetani a compiere manovre pericolosissime per evitare le buche presenti, e per chi non dovesse fare in tempo, prendendone in pieno più di una, non resta che chiedere il risarcimento al Comune con tempi d’attesa pari alle “calende greche”, ricevendo come risposta dagli uffici che l’Amministrazione ha problemi di liquidità anche per piccole somme. Come problemi di liquidità? Ma non si registrano continue assunzioni di dirigenti? Non si registrano continue tasse a carico dei cittadini, anche per l’aria che respiriamo? Non si registrano cene istituzionali, che ricordiamo paghiamo noi contribuenti, per il compleanno di Roseto degli Abruzzi?”, proseguono i dirigenti del Movimento “Roseto al centro”.

“Quindi per concludere, cari rosetani, è ora di dire con fermezza a questi “amministratori” che, dopo due anni dal loro insediamento, è arrivato il momento che inizino a lavorare sul serio “corciandosi le maniche” e stando nel palazzo comunale giornalmente, come dovrebbero fare dei veri amministratori di un Ente, specie per una città del calibro di Roseto degli Abruzzi, avendo ben in mente anche il concetto di coerenza, termine del tutto sconosciuto nel loro vocabolario” concludono i vertici di “Roseto al Centro”.

 

twitter@ImpaginatoTw

GALLERIA FOTOGRAFICA


  • Roseto al Centro accusa: ecco le incoerenze del Pd rosetano
  • Roseto al Centro accusa: ecco le incoerenze del Pd rosetano