Teatro stabile d'Abruzzo: veleni, tensioni e guerre intestine. Chi vincerà la partita tutta rosa?


Due donne le protagoniste del durissimo scontro: il giovane presidente, la scrittrice aquilana De Simone, e il vice presidente, l'ex capo ufficio stampa del Consiglio regionale Centofanti


di Laura Battista
Categoria: ABRUZZO-ITALIA
10/05/2018 alle ore 08:13

Tag correlati: #impaginatoquotidiano#laquila#tsa

Teatro stabile d'Abruzzo: veleni, tensioni e guerre intestine. Chi vincerà la partita tutta rosa? Due donne le protagoniste del durissimo scontro: il giovane presidente, la scrittrice aquilana Annalisa De Simone, ed il vice presidente, l'ex capo ufficio stampa del Consiglio regionale ora in pensione, Rita Centofanti.

Al culmine della tensione la Centofanti avrebbe addirittura presentato dimissioni irrevocabili ma, in una lunga nota, dichiara: "Sono ben salda nella mia carica di vice presidente del Tsa".

In merito alla vicenda, il primo cittadino aquilano, Pierluigi Biondi, avrebbe, seppur invano, tentato di mediare e di ripristinare un clima sereno. A tal proposito occorre appunto ricordare come la Centofanti era stata indicata proprio dal sindaco Biondi, tra l'altro dopo essersi impegnata per la sua causa nella campagna elettorale della primavera dello scorso anno.

Il giovane presidente del Tsa è stata nominata dalla Regione, su indicazione del consigliere del Partito democratico Pierpaolo Pietrucci, che la starebbe sostenendo nella scelta di affidare alcuni importanti incarichi a professionalità esterne.

Tra le cause dello scontro potrebbero esserci inoltre anche le tensioni che vive la maggioranza di centrodestra che da meno di un anno si trova ad amministrare il Comune capoluogo.

La governance del Tsa è stata completata appena tre mesi fa con la nomina di Fabrizio Pandori nel Consiglio d'amministrazione, che ha fatto seguito alle nomine della De Simone e della Centofanti, del direttore artistico, Simone Cristicchi, e degli altri componenti del Cda, il ballerino Leonardo Bizzarri e Roberta Spaziani.

Si esprime così la Centofanti: "Ormai da anni, da quando la Regione ha deciso di diminuire drasticamente i contributi per la cultura, il Comune dell’Aquila, è socio di maggioranza del Teatro, dato il suo maggiore impegno finanziario. Il sindaco Pierluigi Biondi mi ha nominata a settembre dell’anno scorso esclusivamente sulla base del curriculum professionale e della storia personale".

"È stata questa la motivazione che mi ha dato quando mi ha proposto l’incarico, insieme alla sua volontà, peraltro condivisa con me nel corso dei lunghi anni di amicizia, di svincolare le istituzioni culturali dalla presenza invasiva dei partiti", continua la Centofanti.

"L’Assemblea dei Soci è costituita dal sindaco dell’Aquila e dal presidente della Regione, che se impossibilitati per impegni istituzionali, vengono sostituiti da un loro delegato. In alcune occasioni, come per esempio la nomina del nuovo direttore, l’assemblea e il Consiglio di amministrazione si riuniscono in seduta congiunta", aggiunge la vice presidente.

"Da settembre, insieme alla struttura del Tsa, che quotidianamente mette in campo passione e professionalità, è stato portato avanti il lavoro, pur in assenza del direttore (D’Alatri era dimissionario), assumendoci anche la responsabilità della stagione teatrale 2017-2018. Tutto questo con piena soddisfazione e crescente empatia da parte del pubblico nei confronti dell’Ente. Peraltro, sono state poste le basi per raggiungere dei risultati strategici significativi facendo tesoro del passato e del lavoro di chi ci ha preceduto", prosegue la Centofanti.

"Il Tsa ha una storia remota e una storia recente di peso, che ne fanno un ente di riferimento culturale a tutti i livelli. E, in questa logica, si inserisce la nomina del Maestro Simone Cristicchi, e il rinnovato entusiasmo che si percepisce nei confronti del Tsa, anche in campo nazionale, come evidenziato dallo stesso direttore generale dello spettacolo, Cutaia e dall’accoglienza che i colleghi degli altri Teatri pubblici hanno riservato a Cristicchi nel corso di un tavolo nazionale".

"Il Tsa è un bene comune e in quanto tale, chi è impegnato, a qualunque titolo al suo interno, deve avere un’unica missione, quella di sostenerlo e di favorirne la crescita, soprattutto dopo un periodo complicato, come quello del dopo terremoto. Il Sindaco, alla presenza del Consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, ha voluto incontrarsi con i nuovi e i meno nuovi componenti del Cda, per confermare il sostegno non solo finanziario del Comune dell’Aquila al Teatro stabile in questa fase di rinascita, dopo il periodo emergenziale post sisma", conclude Rita Centofanti.

 

twitter@ImpaginatoTw