Piovono fondi in Abruzzo, ma poi i problemi restano: cosa c'è che non quadra?


Delle due l'una, o una politica dislessica è incapace di intrecciare mezzi e azioni, oppure stiamo vivendo un brutto sogno


di Paolo Falliro
Categoria: ABRUZZO-ITALIA
07/12/2017 alle ore 10:00

Tag correlati: #abruzzo#fondi#impaginatoquotidiano#politica

Quanti soldi arrivano in Abruzzo? Davvero tanti. Ed è veramente una buona notizia.

Ci sono i 40 milioni per le strade del cratere sismico, i denari Fesr che il Governatore assicura non saranno persi, poi i fondi per il turismo, quelli per la Film Commission, quelli per i servizi sociali e il welfare, quelli per il campetto di Lettomanoppello (400mila euro battezzati niente meno che dal Ministro dello Sport Luca Lotti).

E ancora: quelli per il Social Housing e l'immobiliare etico, quelli per le imprese che innovano, quelli per la caccia erogati dalla Regione agli Atc, i denari per i mezzi spazzaneve in variazione al bilancio regionale, e tante altre voci tutte importanti e non sindacabili.

Ma a fronte di una simile sventagliata di euro promessi e socializzati, se un marziano atterrasse oggi in Abruzzo si farebbe una domanda tanto semplice quanto dirimente: ma come, annunciano tutta questa fantastica pioggia di soldi, manco avessimo vinto la Lotteria Italia, con frizzi, lazzi e cotillon, con sfarzose conferenze stampa, con tagli di nastro, sorrisi a 32 denti, comunicati incoraggianti, follower che aumentano vertiginosamente e poi ti accorgi che non è tutto oro ciò che luccica?

E allora come mai il turismo non decolla, gli impianti sportivi boccheggiano, i parcheggi sotterranei non si fanno, di merci in treno e logistica portuale neanche a parlarne, i terremotati sono a un passo dall'esaurimento nervoso, gli ultimi e i derelitti hanno perso ogni speranza, il welfare urla tutto il suo dolore, la messa in sicurezza di autostrade e viadotti viene regolarmente rinviata, l'agricoltura segna un meno 47 milioni, la disoccupazione non molla la presa, i commercianti si chiedono se ancora ne valga la pena?

Già, come mai?

Delle due l'una, o una politica dislessica è incapace di intrecciare mezzi e azioni, oppure stiamo vivendo un brutto sogno.

 

twitter@ImpaginatoTw