Sembra Venezia, invece è Pescara: un acquazzone la trasforma in laguna


Scuole e Università chiuse, ponti interrotti, sottopassi inagibili: ma la prevenzione dell'amministrazione comunale dov'è?



Piove su Pescara, ma sembra che sia passato uno tsunami. Scuole chiuse per l’allerta meteo della Protezione Civile, attività sospese anche all’università, chiusi anche un ponte e un sottopasso ferroviario.

(LEGGI ANCHE: LE VOCI DEI CITTADINI INDIGNATI)

Il bollettino “di guerra” è di quelli che non lasciano spazio ai dibattiti o alle giustificazioni. Qui ci sarebbe solo da rimboccarsi le maniche e lavorare per prevenire (e non subire) certi eventi.

(GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA INVIATACI DAI LETTORI)

Ma come, è una settimana che si susseguono gli allerta meteo, tutti i tg straparlano di maltempo, temporali e neve in arrivo e il primo giorno di inverno vero produce questo disastro in città?

Il sindaco Alessandrini ha predisposto un'ordinanza ad hoc per la sospensione delle attività didattiche, ma francamente non basta. Anzi: è la certificazione della resa. Sui social è un diffondersi di foto e video di cittadini indignati, impossibilitati persino ad attraversare un incrocio manco fossimo a Venezia.

CLICCARE QUI PER IL VIDEO

Ecco, non siamo a Venezia, e non c'è San Marco in effetti ma San Cetteo. Siamo in una città dove per un legittimo acquazzone (legittimo in quanto in novembre) tutto è una pozza d’acqua. E nessuno si prende la colpa.

 

twitter@ImpaginatoTw